Biografia


Gianni Fornaresio fonda lo Studio Fornaresio agli inizi degli anni ’80, operando nel settore dell’arte contemporanea e dell’editoria d’arte. 

 

Editore, gallerista e artista egli stesso, ha realizzato sia pezzi unici che opere grafiche. Attraverso diversi medium i soggetti trattati sono sempre dal messaggio positivo e universale e spaziano per esempio da grandi monocromi materici a figure iconiche come la Gioconda, riletta in chiave personale e informale.

 

Nel suo lavoro inoltre, è programmatica la scelta di rendere uno stesso soggetto in diversi formati. Tutte le sue opere sono prodotte con una altissima qualità tecnica, che diviene requisito fondamentale e improrogabile.

 

L’ultimo suo lavoro, di cui è autore ed editore, è il libro “Gocce”, un libro sull’uguaglianza e l’amore che sancisce il suo interesse per tematiche dal contenuto positivo. È composto da quattordici tavole il cui soggetto è la parola “Amore” declinata in varie lingue, accompagnate da testi di diversi autori che hanno espresso il loro pensiero su questo argomento.

 

Il tema dell’amore, tra gli altri, da sempre accompagna la produzione di Gianni Fornaresio. Lo ritroviamo infatti sviluppato in diversi cicli, in cui si sono presenti sia lavori di grande formato, molti pezzi unici, che in formati più piccoli in cui predomina la gestualità. 

 

Nell'estate del 2015, in occasione di Expo, realizza la copertina di Torino Magazine (Anno 27, numero 119)

 

Nel maggio 2020 la sua "Gioconda Italiana" viene selezionata come copertina del saggio di Alberto Toscano "Gli Italiani che hanno fatto la Francia" edito da Baldini + Castoldi (ISBN 978-88-93882873)